Espresso
Q U I N D I C I N A L E   D I   I N F O R M A Z I O N E
Russian
Home Giornale Archivio Redazione Pubblicit Riferimenti
 
Numero 3(48)
Due forum

    Ai primi di febbraio, quasi contemporaneamente si sono svolti due forum mondiali, ai quali le star pi importanti sono stati i rappresentanti del governo russo.
    Il forum economico mondiale che prima aveva sempre avuto luogo a Davos (Svizzera), in questanno si svolto a New York. Si deciso di trasferirlo a New York per due motivi: anzitutto, in segno di solidariet con la grande citt che l11 settembre dellanno scorso aveva subito lattacco dei terroristi, e poi, perch il governo svizzero si lamentato di dover spendere troppi soldi per garantire la sicurezza ai partecipanti. Quanto alla sicurezza, New York ha preso delle misure pi dure per garantirla. Esagerando solo un pochino, si pu dire che al centro di Manhattan, nella zona dellhotel Waldorf Astoria, dove si svolgeva il forum, sia stato introdotto lo stato dassedio.
    Una delle star del forum stato il premier russo Mikhail Kassianov che vi ha fatto un discorso nellambito della sua visita negli USA. Il presidente del governo russo, intervenendo alla seduta plenaria del Forum economico mondiale, ha assicurato i suoi partecipanti che la Russia avrebbe svolto in modo ancora pi attivo le riforme democratiche e da mercato.
    Mikhail Kassianov ha affermato che la Russia guadagnasse i soldi da sola, senza chiedere aiuti finanziari a nessuno. Anzi, a detta di Kassianov, la Russia fornisce aiuti da molti miliardi ad altri Paesi. Il volume di aiuti russi ai Paesi stranieri costituisce decine di miliardi di dollari, ha rilevato il premier. Ha sottolineato in modo particolare limportanza di questi aiuti ai Paesi della CSI, che si fanno tramite cancellazione dei debiti, forniture di materie prime con i prezzi speciali. La Russia d un gran contributo anche alla lotta con la povert nel mondo, cancellando pi di 30 miliardi di dollari che le dovevano i Paesi pi poveri.
    Il momento chiave della visita di Kassianov negli USA stato il suo incontro con George Bush. Alla Russia stata promessa lassistenza nellabolizione dellemendamento Jackson-Vanick e nelladesione alla WTO. Facendo il bilancio della sua visita, Kassianov ha detto che i risultati dimostrano la nuova qualit dellinterazione bilaterale che indubbiamente ricever un nuovo impulso nel corso del summit di due Presidenti a Mosca, fissato per il prossimo maggio.
    Ma non tutto cos entusiasmante. Nel contempo, Kassianov ha riconfermato la posizione di principio della parte russa sulla necessit di rinunciare a qualsiasi doppio standard nel campo della sicurezza internazionale e ha rilevato avvedutamente che le parti non sempre convergono nel giudizio sui metodi delleliminazione del terrorismo internazionale. Kassianov ha anche invitato gli Stati Uniti a svolgere le operazioni antiterroristiche in base alle minacce reali e non mitiche.
    Parallelamente al Forum economico mondiale, a Monaco di Baviera ha avuto luogo la 38-ma Conferenza internazionale per problemi relativi alla politica della sicurezza, che viene a volte definita la Davos militare. Qui il protagonista stato il ministro della difesa russo Serghei Ivanov, che ha annunciato il successo della riforma militare, la decisione di principio sul passaggio verso lesercito contrattuale e ha fatto sapere che era gi stata presa la decisione sulla messa in dotazione dei nuovi sistemi delle armi ad alta precisione, necessarie per combattere le minacce e le sfide moderne. Lintervento del ministro russo ha suscitato particolare attenzione dei partecipanti alla conferenza anche per il fatto che Serghei Ivanov ha letto la sua relazione senza linterprete, in inglese assai buono.
    La Conferenza di Monaco stata quasi subito succeduta da quella di Roma. Serghei Ivanov ha rimproverato ai partner occidentali i doppi standard e il desiderio di costruire il sistema della sicurezza senza la partecipazione della Russia. Il ministro della difesa dellItalia Antonio Martino ha rassicurato lospite russo, che lItalia si sempre schierata e si schiera per la partecipazione della Russia al nuovo sistema della sicurezza internazionale, da elaborare nel secolo iniziato. Inoltre, Martino ha rilevato che Roma non ha accolto nessun rappresentante ceceno. In questo modo Martino ha risposto, alla conferenza stampa, alle critiche, risuonate nella relazione di Serghei Ivanov che aveva affermato che gli emissari ceceni erano accolti nelle capitali europee. E il Segretario generale della NATO, George Robertson, ha detto che lalleanza ha intenzione di collaborare con la Russia come con un partner paritario, nei nuovi settori, vantaggiosi per entrambe parti.

in alto <<  ARTICOLO PRECEDENTE      ARTICOLO SEGUENTE  >> in alto
ALTRI ARTICOLI DELLA RUBRICA "POLITICA"
La dogana cambia le norme dellimportazione della valuta in Russia ¦  La Duma propone di semplificare la procedura di liquidazione dei mass media ¦  Chi colpevole? ¦  Nuova diocesi, dure reazioni - della chiesa ortodossa ¦  La nuova idea nazionale ¦  Un partito in pi... ¦  Aerei russi troppo rumorosi - stop ai voli in Europa. Aeroflot: e noi compreremo aerei americani
Rambler's Top100