Espresso
Q U I N D I C I N A L E   D I   I N F O R M A Z I O N E
Russian
Home Giornale Archivio Redazione Pubblicit Riferimenti
 
Numero 9(54)
E lora del dialogo

    Si sentivano braccati e si sono rifugiati nella Basilica della Nativit di Betlemme.
    I duecento palestinesi si sono fermati 40 giorni in quel posto, come riparo dallesercito israeliano, sporcando, rovinando, occupando un edificio sacro luogo di pace per ciascuna persona anche non credente. Alla fine sono rimasti in 13, terroristi, per i quali la diplomazia mondiale ha trovato un accordo: di distribuirli in 6 paesi europei (tre allItalia) per un tempo determinato. Allora il premier israeliano Sharon aveva ragione. Era sicuro che lazione militare avrebbe scovato dei terroristi kamikaze palestinesi. E i civili morti che non centravano? E che dire a quel padre palestinese che ha perso il figlio che stava per nascere perch lambulanza stata bloccata a causa del coprifuoco? E le migliaia di persone anziane, ammalate, rimaste senza casa? Si dir che questi casi tragici sono ammessi, che giustificano una simile azione in nome di una difesa da attacchi suicidi. Ma tale strategia militare ha voluto colpire nel mucchio per pochi terroristi, o forse per dare un esempio della potenza dIsraele. Ci si aspetterebbe allora che tutto fosse risolto. Che i due popoli, il palestinese e lisraeliano, inizino da qui per una convivenza senza pi spargimenti di sangue. Invece gli attentati suicidi hanno continuato e altre persone innocenti sono morte. E di qualche giorno fa lannuncio da parte di uno dei leader di Hamas, lorganizzazione terroristica palestinese, che le azioni dei martiri sono destinate ad intensificarsi, unica loro arma strategica. Di fronte a queste dichiarazioni non c proprio nulla di buono da sperare per limmediato.
    Dallambito local-militare spostiamoci ora su quello politico. A questo punto fondamentale chiedersi che cosa si pu fare per affrontare con seriet la questione israelo-palestinese. Intanto bisogna trovarsi attorno ad un tavolo, ma per farlo ci vuole la volont di entrambi i partner, come quella volta che i premier dei due paesi si incontrarono a Camp David (USA ) con la mediazione del Presidente americano. Poi chiaro che la premessa necessaria per arrivare a tanto deve essere il riconoscimento dello Stato di Palestina. Infine bisogna che i due capi riconosciuti, Arafat per i palestinesi e Sharon per gli israeliani, siano disposti a mediare sui territori occupati. Sappiamo bene tuttavia che il leader israeliano ha forti contrasti interni che non gli permetteranno di giungere agevolmente ad un accordo. Dallaltra parte ormai chiaro che Arafat non lunico capo palestinese, ma che ci sono frange terroristiche ben organizzate (non solo Hamas), con atteggiamenti estremistici che hanno individuato in Israele e nellOccidente i nemici da annientare. Credo per che se si arrivasse ad una soluzione come quella prospettata sopra veramente si potrebbe iniziare a parlare di pace in Medioriente, isolando, o per lo meno diminuendo di molto, il rischio di nuove stragi. Ci in virt del fatto che, non essendoci pi un motivo giusto per prendersela con gli israeliani, i giovani palestinesi che oggi si fanno saltare per aria in nome di un ideale puro come quello del martirio, domani si dedicherebbero ad attivit meno criminose, rivolte al miglioramento delle condizioni di vita della propria gente e al conseguimento di quel credito internazionale che ancora manca. Iniziative positive in tal senso vengono da gruppi sparuti di giovani palestinesi che, non credendo nella violenza come arma vincente, convivono con i loro coetanei israeliani e cristiani in un clima di fraternit. Sono esempi isolati che anche i governanti conoscono. Speriamo che sappiano trarre beneficio da queste persone comuni anche se non sono protagoniste della scena politica.

in alto <<  ARTICOLO PRECEDENTE      ARTICOLO SEGUENTE  >> in alto
ALTRI ARTICOLI DELLA RUBRICA "NEL MONDO"
Il ritorno dei Savoia ¦  La Fiat in crisi ¦  Amici, partner, alleati ¦  La Rocca dello scandalo ¦  India Pakistan: guerra possibile ¦  FOTOREPORTAGE ¦  Leco dell11 settembre
Rambler's Top100    Rambler's Top100